Attenzione al rischio di un’alimentazione non sostenibile

In questo post..

Proviamo a superare le barriere delle nostre abitudini alimentari e spostiamo l’attenzione sul pianeta, focalizzandoci su modelli che stanno diventando sempre più elaborati e soprattutto meno diversificati.

In tutto il mondo, anche nei Paesi a medio e basso reddito, si sta diffondendo questa tipologia alimentare che può influire non solo sulla salute dell’uomo, ma anche sul benessere del pianeta. A metterci in guardia è un’analisi messa a punto da un pool di ricercatori di origine diversa, dagli USA fino al Brasile passando per l’Australia, pubblicato su BMJ Global Health.

L’impatto della “globalizzazione” sul “green”

La scienza segnala spesso che stiamo andando verso abitudini alimentari che possono influire negativamente sul benessere delle persone. Ma il punto di vista che solleva la rivista è diverso e punta l’indice sui danni ambientali che scelte alimentari non esattamente salutari possono creare sui nostri luoghi di vita. In particolare l’attenzione è puntata sui modelli di globalizzazione, che portano sia nei Paesi più ricchi che in quelli in via di sviluppo ad un’uniformazione dei costumi a tavola, con un incremento di alimenti molto lavorati o prepreparati, che magari richiedono l’impiego di specifici composti ad azione emulsionante o colorante. Sono eccessi da evitare. Infatti tutto questo porta ad una perdita delle molteplicità culturali e ad una sorta di “unificazione” dei consumi ed ovviamente delle richieste all’ambiente, con un impatto sull’agrobiodiversità, la varietà e la variabilità di animali, piante e microrganismi utilizzati direttamente o indirettamente per l’alimentazione e l’agricoltura.

Gli esperti tendono quindi a ricordare come alla diminuzione della biodiversità ambientale si sovrapponga un influsso negativo sulla diversità genetica delle piante utilizzate per il consumo umano. Per capire la situazione, basta riportare qualche osservazione che emerge dall’indagine. Più di 7.000 specie di piante commestibili sono utilizzate per il cibo umano, ma meno di 200 specie hanno avuto una produzione significativa nel 2014 e solo nove colture hanno rappresentato oltre il 66% in peso di tutta la produzione agricola. Ancora. Se si passa ad esaminare quanto offrono questi alimenti in termini di energia, si vede che ben il 90% dell’apporto energetico dell’umanità proviene da sole 15 piante coltivate e più di quattro miliardi di persone dipendono solo da tre di esse: riso, grano e mais.

L’allarme degli esperti si lega proprio a questo aspetto: se declina la diversità biologica nei sistemi alimentari si possono avere difficoltà e soprattutto, nel tempo, si crea una sorta di ostacolo alla diffusione di modelli alimentari sostenibili nel tempo. Per la nostra salute e quella del pianeta, visto che quando si producono alimenti molto lavorati si tende ad utilizzare poche specie vegetali ad alto rendimento. Non solo: l’eccessiva produzione alimentare ultra-elaborata richiede grandi quantità di terra, acqua, energia e composti che consentono di “sfruttare” al meglio il terreno, contribuendo anche all’emissione di gas che possono facilitare il riscaldamento globale.

 

Potrebbero interessarti anche...

Mangiamo più fibre, così “proteggiamo” il microbiota
Addirittura, in qualche modo, mangiare alimenti ricchi di fibre ed in particolare di cellulosa potrebbe rappresentare un sistema per riportare indietro nel tempo i batteri intestinali, a fronte ...
Dieta mediterranea, perché aumentare (anche di poco) i vegetali aiuta l’ambiente
In particolare, l’analisi, apparsa su Nature Food, prende in esame la transizione proteica, con il progressivo spostamento verso un maggior introito di proteine vegetali. E offre un punto di ...
Obesità, l’impatto dello squilibrio ponderale sulla salute del mondo
A segnalare questa situazione è un’interessante fotografia scattata dagli esperti dell’Imperial College di Londra coordinati da Majid Ezzati, pubblicata su The Lancet, che mette in luce come ...
Quanto pesa il microbiota nella genesi dei calcoli ai reni
Ora però appare all’orizzonte un altro potenziale elemento in grado di interferire nello sviluppo dei calcoli. Sarebbe il microbiota. Stando ad una ricerca degli esperti del Lawson Health ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.