Allergie o intolleranze alimentari

In questo post..

Spesso si rischia di confonderle, ma allergie e intolleranze alimentari hanno in genere effetti diversi sull’organismo e fare chiarezza su tali differenze è senza dubbio la chiave per gestire al meglio le reazioni negative legate a ciò che portiamo in tavola.

Allergia o intolleranza?

Allergie e intolleranze alimentari fanno entrambe parte delle cosiddette “reazioni avverse al cibo”, un insieme di disturbi che si manifestano dopo aver ingerito un determinato alimento e che possono andare dalla semplice irritazione cutanea fino allo shock anafilattico. Partendo dalla classificazione della American Academy of Allergy Asthma and Immunology, e semplificando molto un argomento davvero complesso, allergie e intolleranze alimentari possono essere distinte in base alle reazioni che si innescano nell’organismo dopo l’ingestione di un alimento “scatenante”:

  • le allergie sono mediate da meccanismi che coinvolgono il sistema immunitario,
  • le intolleranze non coinvolgono meccanismi di tipo immunologico.

Nel caso delle allergie, il contatto anche con minime quantità di allergene – è definita così la molecola che viene riconosciuta come estranea e che scatena la reazione allergica – fa partire la produzione di anticorpi (immunoglobuline E, IgE) che si legano a cellule, dette mastociti. Questa fase si chiama sensibilizzazione. La seconda e le successive volte in cui l’allergene viene introdotto, questo si lega alle IgE presenti sui mastociti e innesca il meccanismo di liberazione dei mediatori dell’infiammazione responsabili dei sintomi allergici. Tra i mediatori un ruolo importante lo ricopre l’istamina.

Le intolleranze sono invece reazioni di tipo metabolico, che non fanno partire la sequenza di risposte immunitarie tipiche delle allergie e che si manifestano in genere quando l’organismo non è in grado di metabolizzare correttamente un alimento o una sua componente, come succede per esempio nel caso dell’intolleranza al lattosio, lo zucchero contenuto nel latte.

intolleranza al latte

Allergie e intolleranze alimentari a confronto

È molto difficile sintetizzare in poche righe le differenze tra allergie e intolleranze alimentari, ma il confronto diretto può senza dubbio aiutare a identificarle.

ALLERGIA INTOLLERANZA
CHI COLPISCE Una persona su tre crede di avere un’allergia alimentare, ma in realtà queste allergie riguardano circa il 2% della popolazione adulta. Nei bambini le percentuali salgono fino al 7%, ma poi tendono a ridursi con il passare degli anni. Possono interessare persone di tutte le età, ma poiché per molte forme di intolleranza non esistono test scientificamente certi per la diagnosi, non è semplice riuscire a quantificare le persone con un’intolleranza alimentare.
LE CAUSE PIÙ COMUNI Qualunque alimento o componente di un alimento può potenzialmente scatenare una reazione allergica, ma i più comuni sono latte vaccino, uova, soia, grano, crostacei, arachidi e altre noci, frutta. Le intolleranze più comuni sono senza dubbio quelle al lattosio e al glutine.
QUANDO SI MANIFESTA Immediatamente dopo aver ingerito l’allergene (al massimo entro due ore). Anche dopo parecchio tempo dal primo contatto con l’alimento scatenante.
COME SI MANIFESTA Sintomi respiratori (naso che cola, tosse, asma, starnuti, ecc.), cutanei (gonfiore alle labbra e alla gola, eritema, orticaria, prurito, ecc.) e gastrointestinali (diarrea, nausea, vomito, gonfiore, ecc.). Nei casi più gravi si può arrivare anche allo shock anafilattico. I sintomi sono simili a quelli dell’allergia ma in genere si manifestano soprattutto a livello gastrointestinale (nausea, vomito, gonfiore, crampi, ecc.).
COME EVITARE I SINTOMI Eliminare completamente la sostanza che causa allergia. In genere basta ridurre al minimo la sostanza che causa intolleranza.

Come si arriva alla diagnosi

La diagnosi di allergia alimentare prevede un iter specifico che inizia nello studio dell’allergologo dove si cercano indizi che possono far sospettare una reazione allergica al cibo. Si parte in genere da una attenta analisi dei sintomi e da domande sulla storia personale e familiare, per poi procedere con una visita che escluda altre possibili cause della reazione. Un diario alimentare dove si annotano i singoli alimenti ingeriti e le eventuali reazioni allergiche o simili a un’allergia può aiutare a individuare l’allergene responsabile.

Esistono anche test cutanei specifici e indolore che riescono a rilevare la presenza di reazioni allergiche con produzione di IgE (prick test) e test serologici che permettono di identificare con certezza anche la singola componente dell’alimento che scatena l’allergia. Nel caso delle allergie alimentari è possibile utilizzare anche il cosiddetto test di provocazione orale con l’alimento, nel quale il sospetto allergene viene fatto ingerire al paziente sotto lo stretto controllo del medico che verifica le reazioni.

Diverso il discorso delle intolleranze alimentari. Solo in pochi casi esistono test diagnostici specifici (breath test per l’intolleranza al lattosio e ricerca di anticorpi e/o biopsia per quella al glutine), per tutti gli altri si procede con l’eliminazione di un alimento sospetto dalla dieta per un paio di settimane per poi reintrodurlo. Se i sintomi prima si interrompono e riprendono al momento della reintroduzione dell’alimento, il sospetto di intolleranza si fa decisamente più forte.

Board
Fondazione Istituto Danone

  1. Epicentro – Intolleranze alimentari. http://www.epicentro.iss.it/problemi/intolleranze/intolleranze.asp
  2. EUFIC – Le allergie e le intolleranze alimentari.http://www.eufic.org/article/it/expid/basics-allergie-intolleranze-alimentari/
  3. Mayo Clinic – Food Allergies. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/food-allergy/basics/definition/con-20019293

 

Potrebbero interessarti anche...

Quanto pesa il microbiota nella genesi dei calcoli ai reni
Ora però appare all’orizzonte un altro potenziale elemento in grado di interferire nello sviluppo dei calcoli. Sarebbe il microbiota. Stando ad una ricerca degli esperti del Lawson Health ...
Non esagerare con le carni rosse significa (anche) prevenire il diabete
Secondo una ricerca apparsa su American Journal of Clinical Nutrition, infatti, basterebbe superare le due porzioni di carne rossa ogni settimana per avere un rischio maggiore di sviluppare il ...
Più fibre e vegetali per la salute del microbiota in chi è in cura per tumore
Il tutto, probabilmente, passerebbe attraverso un’azione specifica sul microbiota. Per questo gli alimenti ricchi in fibre con potenzialità prebiotiche e comunque in grado di offrire nutrimento ...
Attenzione alle scelte drastiche, ecco perché una dieta equilibrata ci protegge
E ricordarcelo, facendo il punto sui problemi potenzialmente legati alle abitudini alimentari “estreme”, è uno studio molto interessante apparso su Journal of Nutrition e condotto dagli ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.