30 Marzo 2017

Quando le emozioni decidono il menù…

In questo post..

Nei momenti di particolare stress o di emozioni più intense, specialmente negative, succede di cercare conforto nel cibo, andando contro tutti i principi della dieta salutare. Gli esperti spiegano come controllare l’emotional eating.

Si va alla ricerca di cibi molto densi dal punto di vista delle calorie, dei grassi e degli zuccheri. Succede soprattutto quando l’umore va giù o lo stress è troppo elevato e spesso la ricerca di un po’ di conforto attraverso il cibo è un’azione del tutto inconscia, sulla quale la mente non riesce a esercitare alcun controllo. Ecco cosa consigliano gli esperti statunitensi della Mayo Clinic per limitare l’emotional eating.

Via lo stress. Lo stress è uno dei fattori che maggiormente contribuisce all’emotional eating; meglio cercare di tenerlo sotto controllo con tecniche ad hoc come lo yoga, il rilassamento e la meditazione.
È davvero fame? Se l’ultimo pasto risale a un paio di ore prima e lo stomaco non “brontola” è molto probabile che non si tratti di vera fame ma di un desiderio più legato alle emozioni. Meglio aspettare un po’ di tempo prima di assecondare tale desiderio e spesso la fame se ne va da sola.
Il diario alimentare. Tenere traccia di cosa e quanto si mangia, delle sensazioni legate al consumo di cibo e degli orari dei pasti può aiutare a scovare un eventuale legame tra cibo ed emozioni.
A volte serve un supporto. Amici e familiari possono dare una mano a superare le emozioni che spingono verso il cibo.
No alla noia. Invece di buttarsi sul cibo, si può cercare di tenere mente e corpo impegnati in attività piacevoli e divertenti: una camminata, la lettura di un buon libro, l’ascolto di un po’ di musica, eccetera.
Lontani dalle tentazioni. Se in casa non ci sono scorte di “comfort food” (il cibo che dà conforto) sarà ovviamente più semplice resistere alle tentazioni.
Non solo privazioni. Mangiare sano non deve mai essere sinonimo di sacrificio e privazione: meglio puntare sulla varietà e concedersi una trasgressione ogni tanto, a patto di non esagerare.
Snack sani. Se il desiderio di cibo è troppo forte si può optare per spuntini sani come frutta fresca, vegetali, oppure si possono scegliere le versioni light o a basso contenuto di grassi dei propri alimenti preferiti.
Dagli errori si impara. Cedere occasionalmente all’emotional eating non deve rappresentare una fonte di senso di colpa o un motivo per cedere. Al contrario da questo “errore” si possono trarre insegnamenti utili per il futuro.

Fonte:
Mayo clinic. 9 ways to curb emotional eating.
http://diet.mayoclinic.org/diet/motivate/ways-to-curb-emotional-eating?xid=nl_MayoClinicDiet_20151125

Potrebbero interessarti anche...

22 Ottobre 2020
La “memoria” ci porta a cercare il cibo
Siamo frutto delle nostre esperienze. E questo vale per noi intesi come singoli individui, ma anche per noi intesi come specie umana. L’uomo così come lo conosciamo oggi é frutto delle ...
25 Settembre 2020
Il consumo di alimenti lattiero-caseari che fa bene, anche al cuore.
Latte e derivati sempre in tavola possono ridurre il rischio di mortalità e di eventi cardiovascolari maggiori. È il risultato principale dello studio PURE (Prospective Urban Rural Epidemiology), ...
20 Settembre 2020
Un “secondo genoma” che arriva dai microrganismi
Un occhio al DNA: quanto è grande il genoma?1-3 Prima del sequenziamento del DNA grazie allo Human Genome Project, gli esperti di genetica pensavano che il genoma umano, ovvero l’intero ...
15 Settembre 2020
Studenti fuori sede, le abitudini a tavola
L’inizio del percorso universitario, il desiderio di esplorare nuove realtà didattiche, ma soprattutto la vita da soli dopo anni di permanenza a casa. Queste sono le sfide che si trovano ad ...
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.