Apri il Menu
Apri il Menu cerca nel sito
Dal 1991 ha come obiettivo la diffusione della cultura dell'alimentazione elegata alla salute

Anche lo stress può influire sul girovita

Uno studio europeo sottolinea l’associazione significativa tra alti livelli di cortisolo, il cosiddetto “ormone dello stress” e la presenza di sovrappeso e obesità sia nelle donne sia negli uomini.

Anche lo stress può influire sul girovita

Esiste un legame stretto tra lo stress e il sovrappeso/obesità, con tutte le conseguenze negative per la salute che entrambi i fattori hanno più volte dimostrato di avere. Lo conferma anche uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Obesity nel quale sono stati coinvolti oltre 2.500 uomini e donne di età uguale o superiore a 54 anni. “Per tutti i partecipanti allo studio sono stati misurati i livelli di cortisolo – un ormone prodotto anche in seguito a momenti di stress – mediante un esame del capello semplice e del tutto indolore che aiuta a capire l’andamento dei livelli dell’ormone nel tempo” spiega Andrew Steptoe, coordinatore dello studio e professore di psicologia allo University College London che ricorda come grazie all’analisi di capelli lunghi circa 2 cm è possibile valutare i livelli di cortisolo relativi a un periodo di due mesi. A conti fatti le analisi hanno dimostrato che livelli più alti di cortisolo erano correlati al peso, all’indice di massa corporea e alla circonferenza vita: più alto il cortisolo (e quindi lo stress), più alti gli altri parametri analizzati. Inoltre i livelli di cortisolo erano associati anche alla persistenza dell’obesità nel tempo, come ha dimostrato un’analisi che ha permesso di risalire nel tempo fino a 4 anni prima dello studio. “Le associazioni restano praticamente identiche nei due sessi e non variano nemmeno in base all’età” spiegano gli autori precisando però che l’analisi non è in grado di stabilire con certezza una relazione causa-effetto tra cortisolo-stress e obesità.

Fonte:
Jackson SE, Kirschbaum C, Steptoe A. Obesity (Silver Spring). 2017 Mar;25(3):539-544.

torna su