Apri il Menu
Apri il Menu cerca nel sito
Dal 1991 ha come obiettivo la diffusione della cultura dell'alimentazione elegata alla salute

Alcol nell’adolescenza: tanti i rischi per il cervello

Nel delicato periodo dell’adolescenza l’eccessivo consumo di alcol può portare a problemi nella successiva capacità di apprendere nuove informazioni verbali, soprattutto con il "binge drinking".

Alcol nell’adolescenza: tanti i rischi per il cervello

Gli esperti non si stancano di ripetere quanto sia pericoloso consumare dosi troppo elevate di alcol, come ha fatto recentemente dalle pagine della rivista “Alcholism: Clinical and Experimental Research” un gruppo di ricercatori statunitensi guidati da Tam Nguyen-Louie della University of California San Diego di La Jolla. In particolare i ricercatori si sono concentrati sui possibili effetti negativi dell’alcol sul sistema nervoso centrale dei ragazzi adolescenti, un gruppo particolarmente a rischio perché in genere è proprio negli anni dell’adolescenza, quando corpo e cervello sono in fase di crescita, che si incontra per la prima volta l’alcol. “Analizzando i dati raccolti su 112 adolescenti abbiamo dimostrato che il consumo di alcol crea grossi problemi alla capacità di apprendimento, in particolare per quanto riguarda la cosiddetta memoria verbale” spiegano gli autori. Dall’analisi emerge infatti che i ragazzi con l’abitudine al binge drinking estremo (10 drink alla volta), ovvero il consumo di grandi quantità di alcol in un’unica volta, ottenevano risultati peggiori nei test di memoria verbale rispetto a chi beveva “moderatamente” (4 o meno drink alla volta). Non è emersa alcuna differenza tra ragazzi e ragazze per quanto riguarda gli effetti dell’alcol. Il fattore più importante è la quantità di alcol ingerita: più numerosi sono i drink bevuti in un’unica occasione, peggiori sono i risultati nei test che valutano le performance del cervello nella memoria verbale.

 
 
Fonte:
Nguyen-Louie TT, et al. Alcohol Clin Exp Res. 2016 Jul 27.
torna su