Apri il Menu
Apri il Menu cerca nel sito
Dal 1991 ha come obiettivo la diffusione della cultura dell'alimentazione elegata alla salute

Finisce l’emergenza “mucca pazza”

Finisce l’emergenza “mucca pazza”

Patologie animali e rischi per l’uomo

Una buona notizia per la nostra salute e per l’esportazione della nostra carne nel mondo: l’OIE - l’Organizzazione Internazionale delle Epizozie – cioè l’ente che controlla tutte quelle patologie animali che possono interessare anche l’uomo – ha inserito l’Italia tra i paesi a minor rischio (rischio trascurabile) di BSE (ossia Bovine Spongiform Encephalopathy, la famigerata “mucca pazza“), insieme a altri 24 paesi al mondo.

Altri paesi a noi vicini, come: Francia, Germania, Spagna, Irlanda e Svizzera, invece, sono solo a “rischio controllato“.

Le malattie da Prioni nell’uomo

La malattia da prioni, è causata da un agente (che non è né un virus né un batterio, ma è una proteina con una struttura spaziale diversa dalla proteina fisiologicamente presente a livello del tessuto nervoso e di altri tessuti), in grado di trasmettere questa sua peculiarità alle proteine “normali” con le quali viene in contatto. Questo fatto ne provoca l’accumulo all’interno del cervello, sotto forma di placche.

Oltre alla BSE che colpisce i bovini, e allo Scrapie che colpisce le pecore, nell’uomo si conoscono alcune patologie classificate come Encefalopatie Spongiformi Trasmissibili (TSE), e tra queste:

  • La Creutzfeldt–Jacob (MCJ) sporadica che colpisce circa una persona su un milione di abitanti l’anno;
  • La MCJ genetica che colpisce più persone della stessa famiglia ed è dovuta a una mutazione genetica;
  • La nuova variante di MCJ, detta, erroneamente, variante umana della “mucca pazza”. Forma patologica che appare collegata all’ingestione di organi bovini con degenerazione prionica;
  • La MCJ iatrogena dovuta alla trasmissione, durante interventi neurochirurgici, di materiale infetto.

Capire di quale forma si tratti, è fondamentale quando scatta un allarme su un nuovo, possibile, caso umano di encefalopatia. Purtroppo non è facile rispondere a questo quesito, che necessita di precisi approfondimenti diagnostici per essere almeno in parte risolto.

La scienza ha comunque identificato una serie di caratteristiche, che possono aiutare a identificare meglio la tipologia della malattia.

Prima di tutto l’età appare importante. Chi è stato colpito dalla nuova variante è in genere più giovane di quanti invece sono affetti dalla malattia classica di Creutzfeld-Jacob che, normalmente, si manifesta dopo i 50 anni.

Il criterio non è però assoluto, se si pensa che occasionalmente il morbo di Creutzfeldt-Jacob è stato individuato in persone più giovani.  Poi, la malattia presumibilmente legata all’ingestione molti anni prima di carni “infette”, può anche manifestarsi inizialmente più come un disturbo dell’umore, che come una vera e propria malattia neurologica.

Possono essere presenti incomprensibili stati d’ansia e depressione, oppure una forte apatia. In ogni caso questi sintomi lasciano rapidamente il posto ai segnali neurologici che ripetono, in tutto e per tutto, quelli della forma sporadica della malattia: esiste, infatti, un grave e progressivo deterioramento mentale che porta alla morte in poco tempo.


Possibili esami diagnostici

Sul fronte degli esami diagnostici appaiono utili, per discriminare il quadro, l’elettroencefalogramma o la risonanza magnetica. Questi test, se eseguiti in centri altamente specializzati, potrebbero aiutare a distinguere le due forme di malattia.

Una volta comparsi i primi segni clinici dell’infezione può essere utile la puntura lombare, che permette di prelevare e analizzare il liquido che scorre tra le meningi, e indirizzare meglio verso un’ipotesi piuttosto che un’altra.

Mai più nuovi casi?

Nonostante il grande allarme creatosi anni fa, nel tempo, i casi umani sono stati estremamente limitati.

Qualche tempo fa il calcolo statistico epidemiologico era pessimistico rispetto a quello di oggi, a causa soprattutto delle prime ipotesi di calcolo legato al tempo d’incubazione della malattia che, come già detto, appare molto lungo (50 anni).

Dopo un periodo così lungo, però, la comparsa della sintomatologia in una popolazione anziana, si sovrapporrebbe alla forma classica di Creutzfeld-Jacob e diventerebbe difficile, quindi, collegarla all’ingestione di alimenti con prioni.

A cura della Prof.ssa Anna Maria Castellazzi
Direttore Centro di Ricerca Immunità e Nutrizione
Università di Pavia

Comitato scientifico
Fondazione Istituto Danone

articoli da scaricare
articoli da scaricare

Scarica l'articolo completo

Continua

Notizie precedenti

torna su