Apri il Menu
Apri il Menu cerca nel sito
Dal 1991 ha come obiettivo la diffusione della cultura dell'alimentazione elegata alla salute

Come conservare gli alimenti: consigli per l’uso

Come conservare gli alimenti: consigli per l’uso

La carne

  1. Bovina: se la pezzatura è voluminosa va conservata in sacchetti o in vaschette nell’area a temperatura più bassa del frigorifero per non oltre 2-3 giorni, può invece rimanere nel congelatore anche fino a 6 mesi. Le classiche fettine, o comunque pezzature ridotte, possono invece essere conservate per un tempo minore: al massimo 2 giorni in frigorifero e non oltre i 2 mesi in freezer;
  2. Pollo: questa carne va  conservata nella parte più fredda del frigorifero ben avvolta in carta per alimenti o in sacchetti di polietilene, per un periodo che non superi i 4 giorni;
  3. Maiale: e frattaglie vanno consumate subito dopo l’acquisto, i tagli più piccoli (ad esempio le fettine) non vanno conservati in frigorifero oltre i 2 giorni, tempo che si raddoppia per arrosti e simili in quanto tagli più grandi. Nel freezer non bisogna superare i 2 mesi di conservazione;
  4. Coniglio: per conservarlo a lungo e congelarlo, il pezzo deve essere pulito con attenzione avendo cura di eliminare il grasso interno. Fatto questo può essere mantenuto in freezer anche per 6 mesi in sacchetti specifici di plastica o alluminio. Questi stessi strumenti sono utili anche per la sua conservazioni in frigo nell’area più fredda, ma in questi casi va consumato in meno di una settimana;
  5. Cavallo: questa carne è particolarmente esposta all’attacco dei batteri, quindi occorre consumarla il prima possibile. In frigorifero va posta nell’area più fredda, ben fasciata in carta per alimenti, e quindi consumata in giornata. Nel freezer, previa attenta impacchettatura in alluminio o in pellicola trasparente, può rimanere anche 6 mesi;
  6. Carne ovina:va conservata in frigorifero nella zona più a bassa temperatura, e non oltre pochi giorni. In freezer la conservazione può essere invece protratta per mesi.

Il pesce

Il pesce, dopo essere stato acquistato, va consumato entro 1-2 giorni, e nel caso si acquisti pesce non ancora pulito si consiglia l’immediata eviscerazione. Va conservato nella parte più fredda del frigorifero per pochi giorni dopo averlo pulito con cura e previo inserimento in un sacchetto per alimenti. Se si è certi che il pesce non sia del tipo decongelato  si può congelare in casa per 2 mesi se si tratta di pesci a carne grassa (es. salmone) e 4 in caso di pesci a carne magra (es. nasello e merluzzo): anche in questo caso è necessario pulirlo con cura e poi metterlo in un sacchetto per surgelati.


La verdura

  1. Insalata:va sempre conservata in sacchetti di carta e non quelli di plastica che tendono a trattenere l’umidità, se l’insalata è già lavata e asciugata va benissimo uno strofinaccio da cucina ben pulito o un recipiente di vetro. La sua conservazione deve avvenire nella parte meno fredda del frigorifero;
  2. Ortaggi: dopo l’acquisto vanno rapidamente riposti nel frigorifero. Invece per aglio, cipolle e scalogno è consigliabile la conservazione in luogo fresco e ventilato e possibilmente al buoi. Importante è anche togliere subito gli ortaggi appena acquistati dalla plastica in quanto esiste il rischio di formazione di muffe, e si conservano meglio se coperti con un telo inumidito. Nel freezer possono rimanere anche per 8 mesi, ma solo dopo essere stati tagliati a pezzi e all’interno di contenitori adeguati;
  3. Legumi: i legumi freschi andrebbero sempre consumati entro pochi giorni, previo mantenimento nella parte più fredda del frigorifero. Invece, le confezioni chiuse di legumi secchi si conservano a lungo in dispensa e, una volta aperti, meglio tenerli in vasi di vetro e in luoghi freschi e asciutti. Per congelarli occorre prima pulirli, passarli per poco tempo nell’acqua bollente, asciugarli bene in un panno e riporli in sacchetti da congelatore.

La frutta

La maggior parte dei frutti può essere conservata nella zona meno refrigerata del frigorifero. Mele, pere e ananas possono invece essere tenuti in ambiente secco, in un’area che non scenda sotto i 10-12°C. La frutta può essere anche conservata per lunghi periodi, fino a un anno, nel freezer. Occorre però prima sbucciarla o comunque lavarla e asciugarla con cura, tagliarla a pezzi e cospargerla di zucchero per far sì che non diventi eccessivamente molle e perda di consistenza.
Se volete conservare la frutta sul tipico piatto centrotavola, meglio farlo solo nella stagione invernale riponendo un limone in mezzo alla frutta, i suoi enzimi naturali l’aiuteranno nella conservazione.


I latticini

Latte, formaggi e yogurt sono prodotti da conservare in frigorifero con modalità leggermente differenti tra loro.

Latte e yogurt richiedono i 4°C e essendo prodotti confezionati, per il loro consumo, basterà seguire le indicazioni della data di scadenza posta sulle confezioni. Il latte a lunga conservazione, una volta aperto, deve essere conservato in frigorifero come quello fresco.

I formaggi freschi – come crescenza, ricotta, primo-sale, ecc. – vanno conservati alla stessa temperatura del latte fresco e degli yogurt, chiudendoli nella tipica scatola per formaggi.

I formaggi più stagionati – come pecorini, grana, parmigiano, ecc. – hanno bisogno di una temperatura fresca (come quella di una cantina) e andrebbero, quindi, riposti in una zona del frigorifero meno fredda di quella utilizzata per i freschi avvolgendoli con uno canovaccio pulito o con la stessa carta usata dal rivenditore, perché se tenuti chiusi in una scatola ammuffiscono più facilmente.

Comitato scientifico
Fondazione Istituto Danone

 

articoli da scaricare
articoli da scaricare

Scarica l'articolo completo

Continua

Notizie precedenti

torna su